Passa ai contenuti principali

Dance In, la danza inclusiva protagonista. Il progetto fa tappa in Spagna

Entra nel vivo, con la prima tappa in Spagna da oggi al 18 aprile, l’innovativo progetto Dance In (Dance Accessibility Inclusion), promosso dall’Asd Ijshaamanka di Pergola (che ha sede anche a Serra de’ Conti in provincia di Ancona), cofinanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione Europea.
 
La sfida è quella di portare la danza inclusiva ad essere una delle metodologie di danza più innovative.Inclusione sociale, pari opportunità, la diversità come ricchezza alla base del progetto che vede collaborare Italia, Spagna e Inghilterra nel segno dell’integrazione e di una Europa senza barriere, attraverso la danza.

L'aspetto innovativo di questa tecnica di danza inclusiva è che non è possibile praticarla separando i disabili da persone non disabili (normodotate). Il metodo mette entrambi i partecipanti allo stesso livello, rendendoli così interdipendenti in un crescendo di vantaggi reciproci.

Il progetto è rivolto a ballerini professionisti, istruttori di danza, assistenti sociali e disabili e include una fase di studio della metodologia della danza inclusiva, seguita da tre corsi di formazione ospitati in Spagna, Italia e nel Regno Unito.

La prima delle tre tappe è in programma in Spagna, ad Alicante, fino al 18 aprile.

Un team di 11 persone dall'Italia composto da attori, danzatori, musicisti, documentaristi, traduttori, accompagnati da Monia Mattioli e Giancarlo Taddei dell’Asd Ijshaamanka è volato in Spagna per incontrare il gruppo di Norwich (Inghilterra), la fondazione teatro The Garage Trust Ltd, e quello spagnolo.

Saranno ospiti del Conservatorio Superiore e dell’altro partner del progetto, l’Asociación Cultural de Danza Integrada Ruedapies. Marisa Brugarolas coreografa, danzatrice e docente di danza inclusiva presso il Conservatorio di Alicante nonchè pioniera internazionale dal lontano 1997 di danza inclusiva, guiderà in questo magnifico percorso tutti i partecipanti.

Il progetto "Dance In" prende avvio con un programma ricco di eventi. La tappa sarà dedicata all'introduzione della "danza inclusiva", spiegando le dinamiche, gli scopi e le caratteristiche distintive.

Un'attenzione particolare sarà prestata al clima generale e all'umore del gruppo al fine di stimolare la partecipazione e il ruolo di protagonista. Verrà istituito un tavolo di lavoro, confronto e scambio di buone pratiche tra i partner del progetto, i docenti e studenti dell’università, aperto al pubblico.

Collaboratori del progetto: Comune di Serra de’ Conti; Cooperativa ”Il giardino dei bucaneve”; Nottenera Festival; Conservatorio di musica e arte di Alicante (Spagna); Università di Valencia (Spagna); Teatro Rebis di Macerata

Eventi


Il progetto farà tappa in Italia
dal 20 al 25 agosto a Serra de’ Conti. La formatrice Maria Luisa Brugarolas proseguirà il percorso formativo con disabili, educatori e ballerini. La tappa italiana sarà organizzata insieme a Nottenera Festival che per l’occasione presenterà un format di evento culturale sviluppato con l’Asd Ijshaamanka.
 
Ad ottobre si volerà a Norwich. L’incontro, dal 31 al 3 novembre sarà l'occasione per analizzare il processo attivato e confrontare i risultati ottenuti, criticità e la forza di questa esperienza, le aspettative e le prospettive future dal punto di vista dei disabili, degli educatori, dei ballerini e dei direttori delle attività.

Ultimo evento spin-off una conferenza aperta al pubblico, rivolta anche a cooperative sociali che operano nell’ambito delle disabilità, per condividere il lavoro svolto e presentare aspetti importanti e innovativi della metodologia del movimento legata alla danza inclusiva, utilizzata come strumento di coesione sociale.

Redazione - laScansione.net

Commenti

Post popolari in questo blog

Macerata. Chiusura al traffico viale Martiri Libertà, ultimo tratto direzione piazza Vittoria

Proseguono i lavori di riqualificazione di viale Martiri della Libertà, con il rifacimento della rete idrica da parte dell'APM, che dopo Pasqua interesserà l'ultimo tratto della via, dall'incrocio con viale Carradori a piazza della Vittoria, direzione corso Cavour.

Per consentire le opere si rende necessaria la chiusura al traffico di questa parte di viale, con decorrenza 23 aprile e fino al termine delle opere.

Pertanto le auto in uscita da via Calabresi avranno l'obbligo di svolta a destra e quelle provenienti da viale carradori a sinistra entrambe, dunque, direzione santa Croce, da cui poter raggiungere il centro attraverso via Spalato, via Roma o strada scorrimento.

Il provvedimento riguarda anche il servizio urbano che vedrà sospeso il transito e la fermata nel tratto di via in questione.

Redazione - laScansione.net

UniMc inaugura l’Anno Accademico nel segno del dialogo culturale

L’internazionalizzazione sarà il cuore della cerimonia, alla quale parteciperanno delegazioni provenienti da Cina, Russia, Francia, Spagna, Polonia, Albania.

“Università, culture, dialogo” è il tema scelto quest’anno per l’inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019, 729° dalla fondazione, che l’Università di Macerata si appresta a celebrare giovedì 11 aprile al teatro Lauro Rossi.


L’internazionalizzazione sarà dunque il cuore della cerimonia, alla quale parteciperanno 19 rappresentanti dei principali atenei stranieri partner di Unimc provenienti da Cina, Russia, Francia, Spagna, Polonia, Albania, e che anche quest’anno cade all’interno dell’International Week: una settimana, dall’8 al 12 aprile, con circa trenta tra conferenze e seminari tenuti da trentadue esperti internazionali, visiting professor di UniMC e altri prestigiosi relatori.

“Fin dalle origini – ha spiegato il rettore Francesco Adornato - le Università hanno costituito i centri della cultura del tempo, hanno raccolto le mi…

Riccardo Brizio studente del Liceo Classico “Leopardi“ di Macerata, ha vinto la gara regionale alle Olimpiadi della filosofia. L'intervista

Riccardo Brizio, ragguardevole studente del III B presso il Liceo Classico “Leopardi“ di Macerata, ha vinto la gara regionale alle Olimpiadi della filosofia.

Il suo saggio ha preso spunto da un commento di Giorgio Colli sulla Nascita della tragedia di Nietzsche secondo cui l’arte andrebbe intesa come mezzo di salvezza e di liberazione. Riccardo frequenta l’ultimo anno del Classico di Macerata, è originario di Sambucheto e già nella selezione d’istituto aveva ottenuto il primo posto con una dissertazione riguardo alla filosofia dell’arte.

Le Olimpiadi della filosofia, alla 27esima edizione quest’anno, prevedono la redazione di un saggio filosofico in italiano (Canale A) o in lingua straniera (Canale B). Nella finale regionale ad Ancona, Riccardo ha affrontato studenti provenienti da una ventina d’istituti di tutte le province marchigiane e si è classificato al primo posto con un punteggio di 10 su 10. Dal 13 maggio incontrerà a Roma più di 40 sfidanti, i migliori due da ogni regione c…