Passa ai contenuti principali

Esclusiva: Quella proposta da Antonio Raia non è la ‘solita’ musica. Asylum un album da .. vivere

Ancona - Certamente quella proposta da Antonio Raia non è la ‘solita’ musica, le atmosfere sono davvero particolari e proiettano l’ascoltatore in un mondo di sonorità completamente nuove:

C’è un sax che interpreta questa musica ‘importante’ vero Antonio?


Sì, un sax tenore, non so se stiamo parlando di musiche importanti o meno, per me la musica ha un valore che va oltre le etichette. Capisco che oggi un disco di solo sax come lo è Asylum possa essere etichettato come "altre musiche"ma io non amo le barriere di categorizzazione. A riguardo ci sono due libri che consiglio: "Studiare la popular music" di R. Middleton e " L'improvvisazione" di D. Bailey.

L’ascoltatore, colui che ama la tua musica, lo potresti descrivere in qualche modo?

Per me il pubblico si differenzia solo tra chi 'sente' e chi 'ascolta', basta che il soggetto che sta dall'altra parte partecipi alla musica, diciamo così, come fruitore attivo e non passivo.

Quindi possiamo dire che la musica di Antonio Raia è da vivere; tra l’altro il sax è anche accompagnato da elettronica vero?

La persona che cura la parte elettroacustica si chiama Renato Fiorito. Se per l'album, totalmente in acustico, ha curato la fonica e la registrazione con 10 microfoni per catturare i riverberi naturali, nei live spesso siamo in duo con Fiorito che suona l'elettronica fatta di droni e paesaggi sonori


Mi fai venire in mente un mio esperimento nella registrazione di un concerto realizzato live in una chiesa a Sant’Elpidio a Mare con l’utilizzo di vari microfoni..

Luca, l’intenzione è proprio quella, recuperare un numero di microfoni giusto per la cattura dello spazio, proprio per riportarlo all’ascoltatore come se stesse con me in quel momento.

La tua carriera è iniziata a Napoli oppure hai cominciato subito a frequentare città diverse, teatri, studi ecc. ?

Tutto è partito da questa città che continuo a scegliere con grande amore come mia sede, nonostante gli impegni mi portino a girare per l'Italia intera e per l'Europa. Credo molto nel lavoro fatto co amore, con tantissima dedizione, ricerca e sacrificio.
 
Come puoi spiegare la scelta del titolo Asylum?


Asylum fa riferimento ai luoghi della follia, messaggio sugl'asili politici, alla scuola dei bambini, ed è un ringraziamento all'Asilo Filangeri che ha ospitato le registrazioni nel refettorio dell'ex orfanotrofio.

Antonio Raia con Asylum vuole proprio accogliere l’ascoltatore nel suo progetto..

Per me la relazione vince sempre sulla connessione. Immagino poi che ogni lavoro creativo si auguri di esser per molti. Confrontarsi, parlarsi, scontrarsi e ricongiungersi anche nello scegliere di esser distanti è la strada che preferisco.

Tante le tue partecipazioni, tra queste anche nomi prestigiosi del panorama artistico/musicale..

Sono incontri che hanno dato manforte alla visione della musica quanto più vicina a qualcosa che non ti appartiene ma che in realtà è di tutti e tu non sei altro che un semplice artefice di qualcosa, una sorta di traduttore. Degli incontri “pazzeschi”, con alcuni di loro ho ancora un grandissimo rapporto e ancora oggi suoniamo insieme.

Come è stato strutturato il concerto alla Mole Vanvitelliana di Ancona? 


Per la prima volta, oltre alla musica, ci sono stati i visual a cura Cyop&Kaf. Due artisti visivi che stimo moltissimo che hanno disegnato seguendo i suoni e proiettando le immagini con due proiettori. E' una performance che si rinnova tutte le volte e che gioca sui vuoti e pienissimi tra immagini e musica. Una bella esperienza in prima nazionale, in attesa della performance napoletana.

Luca D'Innocenzo

Commenti

Post popolari in questo blog

Macerata. Chiusura al traffico viale Martiri Libertà, ultimo tratto direzione piazza Vittoria

Proseguono i lavori di riqualificazione di viale Martiri della Libertà, con il rifacimento della rete idrica da parte dell'APM, che dopo Pasqua interesserà l'ultimo tratto della via, dall'incrocio con viale Carradori a piazza della Vittoria, direzione corso Cavour.

Per consentire le opere si rende necessaria la chiusura al traffico di questa parte di viale, con decorrenza 23 aprile e fino al termine delle opere.

Pertanto le auto in uscita da via Calabresi avranno l'obbligo di svolta a destra e quelle provenienti da viale carradori a sinistra entrambe, dunque, direzione santa Croce, da cui poter raggiungere il centro attraverso via Spalato, via Roma o strada scorrimento.

Il provvedimento riguarda anche il servizio urbano che vedrà sospeso il transito e la fermata nel tratto di via in questione.

Redazione - laScansione.net

UniMc inaugura l’Anno Accademico nel segno del dialogo culturale

L’internazionalizzazione sarà il cuore della cerimonia, alla quale parteciperanno delegazioni provenienti da Cina, Russia, Francia, Spagna, Polonia, Albania.

“Università, culture, dialogo” è il tema scelto quest’anno per l’inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019, 729° dalla fondazione, che l’Università di Macerata si appresta a celebrare giovedì 11 aprile al teatro Lauro Rossi.


L’internazionalizzazione sarà dunque il cuore della cerimonia, alla quale parteciperanno 19 rappresentanti dei principali atenei stranieri partner di Unimc provenienti da Cina, Russia, Francia, Spagna, Polonia, Albania, e che anche quest’anno cade all’interno dell’International Week: una settimana, dall’8 al 12 aprile, con circa trenta tra conferenze e seminari tenuti da trentadue esperti internazionali, visiting professor di UniMC e altri prestigiosi relatori.

“Fin dalle origini – ha spiegato il rettore Francesco Adornato - le Università hanno costituito i centri della cultura del tempo, hanno raccolto le mi…

Riccardo Brizio studente del Liceo Classico “Leopardi“ di Macerata, ha vinto la gara regionale alle Olimpiadi della filosofia. L'intervista

Riccardo Brizio, ragguardevole studente del III B presso il Liceo Classico “Leopardi“ di Macerata, ha vinto la gara regionale alle Olimpiadi della filosofia.

Il suo saggio ha preso spunto da un commento di Giorgio Colli sulla Nascita della tragedia di Nietzsche secondo cui l’arte andrebbe intesa come mezzo di salvezza e di liberazione. Riccardo frequenta l’ultimo anno del Classico di Macerata, è originario di Sambucheto e già nella selezione d’istituto aveva ottenuto il primo posto con una dissertazione riguardo alla filosofia dell’arte.

Le Olimpiadi della filosofia, alla 27esima edizione quest’anno, prevedono la redazione di un saggio filosofico in italiano (Canale A) o in lingua straniera (Canale B). Nella finale regionale ad Ancona, Riccardo ha affrontato studenti provenienti da una ventina d’istituti di tutte le province marchigiane e si è classificato al primo posto con un punteggio di 10 su 10. Dal 13 maggio incontrerà a Roma più di 40 sfidanti, i migliori due da ogni regione c…